TSMC spegne parte delle sue macchine per creare chip per il loro consumo di elettricità

Che abbiamo una crisi energetica senza precedenti è ovvio. I prezzi sono alle stelle, il gas ha raggiunto livelli record, l’elettricità non è controllata e nel frattempo l’UE sta preparando un piano di emergenza per limitare i prezzi in tutta Europa. I problemi sono gli stessi in quasi tutti, le soluzioni sono diverse, ma cosa succede quando una grande azienda globale incontra questa realtà? Ebbene, TSMC, essendo il più grande produttore di chip, ha dovuto mettersi al lavoro e parteciperà, spegnendo così diversi scanner EUV per risparmiare elettricità e ridurre il consumo di luce.

Una decisione davvero difficile da prendere e invece i benefici sembrano essere maggiori delle perdite. Lo scanner odierno richiede manutenzione durante i tempi di fermo, messa a punto e calibrazione straordinariamente precise e controlli che costano milioni di perdite. Pertanto, la decisione di TSMC non riguarderà solo loro, ma molto probabilmente interesserà molte altre società internazionali.

Il costo di mantenere gli scanner EUV accesi o spenti

Uno scanner attuale con Tecnologia EUV è di circa 300 milioni di dollari, dove alcune voci li collocano dopo l’inflazione e l’aumento dei costi di trasporto vicini ai 400 davvero. Sono scarsi, molto costosi, impiegano molti mesi per assemblarne e completarne uno e quindi non è un acquisto che si fa in modo facile e non pianificato.

Per questo la notizia di oggi è sorprendente, dal momento che non viene mai menzionato il consumo di energia di una macchina EUV di questa portata, dove la quantità di luce e i processi laser sono di prim’ordine. Ma tenerli accesi consuma molta energia e, a causa della bassa richiesta di chip sia per NVIDIA che per AMD, TSMC prevede di disattivare molti di questi scanner per risparmiare energia e denaro.

Il piano durerà almeno fino alla fine dell’anno, dopodiché le opzioni e la domanda dell’azienda verranno rivalutate. Ma di quanti scanner stiamo parlando? E quanta luce consumano?

TSMC, i suoi chip e il consumo degli scanner: 7nm e 5nm, i più colpiti

Chip EUV-High-NA-ASML-tsmc-consumption

Logicamente, sono questi due nodi insieme al 4N e N4 quelli che prenderanno la torta da spegnere momentaneamente. In totale, si stima che TSMC abbia finito 80 scanner con capacità EUV e stanno anche progettando l’incisione delle cialde nel 3 nm così controverso e persino N3E quindi disattivarli richiederà un’ampia pianificazione per evitare futuri problemi di mancanza di capacità.

Il problema del consumo di energia nonostante il fatto che TSMC ancora ha più scanner DUV di EUV, è che questi ultimi consumano molta più energia, perché la luce viene rifratta più volte, l’apertura numerica (NA) è più ampia, la lunghezza d’onda è più corta e quindi è necessaria più elettricità per wafer. Si stima che per produrre un’efficienza del wafer è di circa lo 0,02%cioè quasi zero, ma quando c’è produzione di massa, il valore aumenta a Due% un numero altrettanto basso.

Per questo le cifre attualmente gestite da TSMC ammontano a 30.000 kWh al giorno solo negli scanner EUV, mentre su base annua ea seconda della produzione necessaria e bilanciata, questo numero sale a 10 milioni di kWh un vero oltraggio che dimostra che i costi di manutenzione e di esercizio di ogni scanner possono essere inferiori rispetto a lasciarli inattivi, risparmiando sui costi dell’energia elettrica anche a rischio che la domanda aumenti e che gli ordini di chip non riescano a rispondere rapidamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.