Negli ultimi anni, e con un’industria dei videogiochi sempre più forte, abbiamo visto una posizione chiara da parte di diversi settori nel tentativo di affermare nella società l’idea che i videogiochi diano origine a violenza e dipendenze . Tuttavia, abbiamo già visto più studi che non solo lo negano, ma mostrano anche il contrario.

Molte volte, i videogiochi possono essere utili per la salute mentale, come abbiamo visto in questo studio dell’Università di Oxford. Per i bambini, ad esempio, i giochi aiutano ad aumentare l’alfabetizzazione e il benessere emotivo, come notato dal National Literacy Trust del Regno Unito.

E un recente studio pubblicato in Cyberpsicologia, comportamento e social network, che cosa ha esaminato 500 bambini per quasi 10 anni mentre giocavano Grand Theft Auto. Sì, hanno appena scelto Grand Theft Auto come parte dello studio, data la controversia che ha generato nella società nel tempo.

I risultati? Lo studio non ha trovato alcun collegamento tra la riproduzione di videogiochi violenti nella fase preadolescenziale e comportamenti più aggressivi negli anni successivi.

Inoltre, si è concluso che questo tipo di gioco non solo non genera comportamenti violenti, ma anche si presentano come vie di fuga per problemi di salute mentale, come la depressione.

“Questo gruppo ha mostrato sintomi depressivi più elevati durante la prima adolescenza ma meno ansia. È possibile che questo gruppo usasse videogiochi violenti per controllare o far fronte ai sintomi depressivi “, hanno scritto gli autori.

Quanti altri studi sono necessari per capire che i videogiochi non sono responsabili di comportamenti violenti? Sono d’accordo?

Fonte: IFL Science