Mentre un paio di settimane fa la Commissione Europea ha multato Valve per le sue pratiche di blocco geografico su Steam, ora la società deve affrontare una nuova multa dopo aver accettato una causa in cui è accusata di aver approfittato del suo monopolio nel mercato dei giochi per PC per costringere gli sviluppatori a vendere i loro giochi in altri negozi digitali allo stesso prezzo offerto su Steam.

La causa rivela l’esistenza di “nazioni più favorite” (MFN) nell’accordo di distribuzione di Steam, in cui un venditore si impegna a dare a un cliente – in questo caso Steam – le migliori condizioni a sua disposizione in qualsiasi altro luogo. Ciò significa che altri negozi, come Epic Games Store o Microsoft Store, non possono competere sul prezzo, e quindi non sono affatto in grado di competere efficacemente, poiché le loro piattaforme sono molto peggiori di Steam E non possono competere nell’unico modo in cui possono, ovvero offrire prezzi più aggressivi per bilanciare l’equilibrio.

“La clausola della nazione più favorita ha l’effetto di mantenere alti i prezzi per i consumatori, poiché la concorrenza sui prezzi delle piattaforme farebbe diminuire i prezzi dei giochi per PC venduti ai consumatori. La MFN ostacola anche l’innovazione e sopprime la produzione, poiché funge da barriera aggiuntiva all’ingresso di potenziali piattaforme rivali e come i prezzi più alti portino a minori vendite di giochi per PC “.

Oltre a Valve, studi come CD Projekt RED, Ubisoft, kChamp Games, Rust LLC Y Ritorno digitale di “ctrattata illegalmente, combinata o cospirata per limitare irragionevolmente il commercio, in violazione della Sezione 1 dello Sherman Act, accettando, ai sensi dell’MFN di Steam, che gli sviluppatori di giochi convenuti non vendessero i loro giochi per PC attraverso piattaforme concorrenti a un prezzo inferiore è stato offerto tramite la piattaforma Steam di Valve.

Senza andare oltre La causa raccoglie un tweet di Tim Sweeny, il CEO di Epic Games, dove nel 2019 ha indicato nel suo account ufficiale che Steam aveva “potere di veto“sui prezzi dei giochi.

La causa indica che entrambi l’Epic Games Store e il Microsoft Store assorbono una parte considerevolmente minore delle vendite effettuate attraverso i propri negozi rispetto al 30 per cento rivendicato da Valve. Uno dei motivi potrebbe essere che sviluppatori ed editori stanno semplicemente scegliendo di guadagnare di più .

“Senza il MFN di Steam, gli sviluppatori di giochi sarebbero finanziariamente interessati a offrire in modo indipendente i loro giochi per PC a prezzi inferiori su piattaforme che applicano una commissione inferiore a quella di Steam, in quanto potrebbero generare entrate uguali o addirittura superiori dal gioco d’azzardo a causa di commissioni inferiori, abbassando i prezzi per i consumatori “, afferma la causa. “A causa del MFN di Steam, gli sviluppatori di giochi devono tenere conto delle commissioni super competitive della piattaforma Steam e non possono abbassare i prezzi sulle piattaforme rivali, né lo fanno”.

La causa cerca di scoprire che la clausola MFN di Steam “è anticoncorrenziale e costituisce monopolizzazione e mantenimento illegali del monopolio“Oltre a un’ingiunzione del tribunale contro altre azioni anticoncorrenziali, danni e costi legali. Dovremo aspettare per vedere cosa accadrà con Valve e, naturalmente, gli studi citati nella causa per aver collaborato con Valve.

attraverso: PCG