Windows 11 aumenta le prestazioni della CPU ibrida x86 rispetto a Windows 10

Sono trapelati molti contenuti relativi a Windows 11, anche con una build per sviluppatori trapelata che potrebbe rappresentare poco del prodotto finale. Ora è trapelato un dettaglio importante sull’ottimizzazione della CPU sull’architettura x86.

Quando Apple o Microsoft introducono un nuovo sistema operativo, migliorano le prestazioni o l’efficienza energetica in scenari specifici. Ora con i processori ibridi si sono aperte opportunità per migliorare l’esperienza utente sia per Apple che per Microsoft e tutto indica che con le CPU x86, Windows 11 ha un’efficienza molto più elevata di Windows 10.

Windows 11 funziona abbastanza bene su CPU ibride

Queste informazioni provengono da Hot Hardware, che ha sperimentato Windows 11 sul processore Lakefield di Intel. Lakefield è attualmente l’unica CPU ibrida x86 sul mercato e combina quattro core CPU Atom con un singolo core CPU Ice Lake. Lakefield non è un core ad alte prestazioni, perché è progettato per l’efficienza energetica, quindi ogni sforzo che può migliorare le sue prestazioni è il benvenuto.

Il miglioramento delle prestazioni di Windows 11 rispetto a Windows 10 è compreso tra il 2 e l’11%. Alcune app ottengono un po’ di prestazioni multi-thread mentre altre lo ottengono a thread singolo. Browerbench Speedometer 2.0 è il grande vincitore, con un miglioramento delle prestazioni del 10,8 percento. E tieni presente che stanno utilizzando i driver di Windows 10 in Windows 11, quindi alcuni aggiornamenti software potrebbero migliorare ulteriormente le cose.

Si vede che Microsoft ha migliorato le prestazioni negli scenari che gli utenti incontreranno in futuro. Alder Lake sarà la prima piattaforma core ibrida mainstream e Microsoft e Intel dovrebbero utilizzare questi miglioramenti per guidare l’adozione sul mercato non portandoli su Windows 10.

Allo stesso modo, dovrebbe migliorare l’efficienza energetica con Windows 11, non solo con le CPU con architettura x86. Un miglioramento delle prestazioni dal 3 al 6% in questi scenari suggerisce che Windows è migliorato nell’eliminazione dei carichi di lavoro sui core giusti per il lavoro.

Font: Extremetech

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *