Apple fa causa a Rivos per presunto furto di dipendenti e segreti commerciali

Oggi lo sappiamo lo scorso fine settimana Apple ha citato in giudizio la startup Rivos per presunto furto di dipendenti e segreti commerciali. Secondo la società, Rivos avrebbe assunto più di 40 ex dipendenti Apple nel corso dell’ultimo anno per lavorare su alcuni SoC RISC-V che competono con la gamma di processori per dispositivi mobili Apple A Series e con i processori per desktop e laptop Apple M Series.

Apple afferma che almeno due ex ingegneri di alto rango, Bhasi Kaithamana e Ricky Wen, hanno preso “gigabyte di specifiche SoC sensibili e file di progettazione” durante i suoi ultimi giorni di lavoro in Apple. Rivos è accusato di aver avviato un “campagna coordinata” per ottenere informazioni sui progetti SoC di Apple dai dipendenti.

“Apple ha affermato nella causa che Rivos ha cercato di proposito di assumere ingegneri Apple con accesso ai segreti commerciali SoC del gigante tecnologico. Ha nominato due ex ingegneri, Bhasi Kaithamana e Ricky Wen, che avrebbero tenuto migliaia di file di progettazione Apple SoC e altre informazioni riservate per Rivos”, ha rivelato Reuters.

“Rivos, che è stata fondata per progettare e commercializzare i propri SoC, ha riempito i suoi ranghi con dozzine di ex ingegneri Apple. A partire da giugno 2021, Rivos ha avviato una campagna coordinata per prendere di mira i dipendenti Apple con accesso a informazioni proprietarie e segreti commerciali su Apple Progetti SoC. Apple ha prontamente inviato a Rivos una lettera per informarla degli obblighi di riservatezza degli ex dipendenti Apple, ma Rivos non ha mai risposto.

I dipendenti che hanno rubato le informazioni avrebbero utilizzato unità USB e AirDrop per scaricare materiale sensibile da Apple sui propri dispositivi personali, nonché per rubare presentazioni su SoC non ancora rilasciati e salvali sui tuoi account cloud. Apple ritiene che Rivos abbia comunicato con alcuni dei dipendenti tramite app di messaggistica crittografate, mentre gli ex dipendenti Apple coinvolti nel furto di dati hanno cercato di cancellare i loro dispositivi Apple per cercare di coprire le loro tracce.

Nella causa, Apple ha detto che non ha avuto altra scelta che citare in giudizio l’azienda a causa del volume di informazioni rubatela natura delle informazioni rubate e che i dipendenti”ora stanno svolgendo le stesse attività per un concorrente con accesso continuo ad alcuni dei segreti commerciali più preziosi di Apple“.

Bhasi Kaithamanauno dei dipendenti specifici accusati di furto di dati, avrebbe copiato migliaia di documenti Apple contenenti “informazioni proprietarie e segreti commercialinel corso di una settimana nell’agosto 2021. Ha copiato i file sul suo computer di lavoro prima di trasferirli su un’unità USB e la causa legale di Apple approfondisce i dati specifici che ha raccolto.

Ricky Wen, un secondo dipendente che avrebbe rubato informazioni, ha trasferito 390 gigabyte di dati dal suo computer Apple a un disco rigido personale poco prima di lasciare l’azienda. Apple afferma di aver rubato informazioni sia dai SoC attuali che da quelli inediti.

“Tra il 26 luglio 2021 e il 29 luglio 2021, il signor Wen ha trasferito circa 390 gigabyte dal suo computer rilasciato da Apple a un disco rigido esterno personale. Tra i dati trasferiti ci sono documenti Apple riservati che descrivono le offerte commerciali della società segreta, inclusi aspetti del microarchitettura dei SoC passati, attuali e inediti di Apple.”

Altri dipendenti Apple non specificamente menzionati nella causa hanno anche collegato dischi rigidi esterni ai loro computer forniti da Apple poco dopo essere stati assunti da Rivos e, allo stesso tempo, hanno avuto accesso alle informazioni sui segreti commerciali di Apple sui progetti per i suoi SoC.

Apple chiede un’ingiunzione contro i dipendenti che hanno aderito a Rivos per impedire loro di divulgare ulteriormente dati sensibili, risarcimento per la perdita causata da appropriazione indebita di segreti commerciali e ulteriori danni per il “arricchimento ingiusto” che Rivos ha ottenuto dai dati di Apple. Al posto del risarcimento, Apple chiede a Rivos “un ragionevole tasso di royalty“. Apple ha richiesto un processo con giuria, quindi è probabile che sentiremo altre controversie tra Apple e Rivos in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.