Ebbene, sembra che Intel dovrà finalmente pagare 2,18 miliardi di dollari a VLSI

Sembra che la causa tra Tecnologia Intel e VLSI ha preso una svolta drastica negli eventi, ed è che oggi sappiamo che un giudice distrettuale di Waco (Texas) ha negato la richiesta di Intel di annullare un ordine di pagamento di $ 2,18 miliardi per violazione di brevetti VLSI.

A marzo, Intel è stata condannata a pagare a VLSI quasi 2,2 miliardi di dollari per danni per violazione della proprietà intellettuale originariamente sviluppata da Freescale Semiconductor e SigmaTel. Intel ha negato l’utilizzo illegale della proprietà intellettuale e ha richiesto un nuovo processo.

All’inizio di quest’anno, un giudice distrettuale di Waco, in Texas, ha assegnato a VLSI un pagamento di $ 1,5 miliardi per un brevetto e $ 675 milioni per un altro (2,175 milioni). La proprietà intellettuale in questione è il “brevetto 759” che descrive gestione della frequenza di clock (originariamente sviluppato da SigmaTel) e il “brevetto 373” relativo ad un metodo per ridurre la tensione minima di funzionamento della memoria (originariamente inviato da Freescale).

Se Intel non ha altre opzioni per impugnare la decisione, dovrai risarcire i danni a VLSI, una società che considera un troll dei brevetti, dal momento che ha acquistato queste società per ottenere i loro brevetti e citare in giudizio Intel.

“Intel martedì ha dichiarato di essere delusa dalla decisione e di voler presentare ricorso. Ha anche chiesto riforme per impedire agli “investitori di contenzioso” di utilizzare brevetti di bassa qualità per ottenere risarcimenti “esorbitanti”, affermando che questa pratica soffoca l’innovazione. e fa male l’economia. “

Intel e VLSI hanno una grande battaglia legale in diversi stati per otto presunte violazioni della proprietà intellettuale di VLSI. Secondo i documenti depositati da Intel presso la SEC, VLSI chiede un totale di $ 7,1 miliardi di danni, royalties future, spese legali, costi e interessi. Intel afferma che i suoi pagamenti totali potrebbero raggiungere gli 11 miliardi di dollari se perde le battaglie legali in ogni stato.

Già ad aprile, Intel ha vinto una causa sui brevetti con VLSI ed ha evitato di pagare più di 3,1 miliardi di dollari per altri brevetti che sono stati utilizzati per attaccare la tecnologia SpeedShift di Intel introdotta nel 2014, ma che si basa in gran parte sulla tecnologia SpeedStep emersa originariamente nei primi anni 2000. Fondamentalmente dovremo aspettare per vedere in cosa ricadranno tutte queste cause legali.

attraverso: Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.