Facebook ammette di non sapere cosa fa con i tuoi dati o dove vanno

Una delle lamentele più frequenti su Facebook è che raccoglie molti dati personali, che poi vende agli inserzionisti.

Ora, un documento interno trapelato ottenuto da Motherboard avverte che il social network non ha idea di dove vadano tutti i dati acquisiti dagli utenti o a cosa servano.

Il rapporto è stato scritto l’anno scorso dagli ingegneri della privacy di Facebook del team dei prodotti pubblicitari e aziendali e il suo obiettivo era riferire sul lacune nel modo in cui la piattaforma elabora le informazioni personali e promuovere il cambiamento nel tentativo di proteggere l’azienda dai problemi con le autorità di regolamentazione in Europa, negli Stati Uniti e in altri paesi.

Facebook non può rispettare pienamente le leggi sulla privacy dei dati

Secondo gli ingegneri, l’azienda non sarà in grado di rispettare pienamente le leggi sulla privacy imposte dalle autorità di regolamentazione.

Non disponiamo di un livello adeguato di controllo e spiegabilità su come i dati vengono utilizzati dai nostri sistemi e pertanto non possiamo apportare con sicurezza modifiche alle politiche controllate o impegni esterni come “non utilizzeremo i dati X per lo scopo Y”.

Eppure questo è esattamente ciò che le autorità di regolamentazione si aspettano che facciamo, il che aumenta il nostro rischio di errori e false dichiarazioni”.

L’origine del problema: mancanza di controllo

Il motivo del problema della privacy dei dati di Facebook è che i suoi sistemi combinano dati utente di prima mano, dati utente di terze parti e dati sensibili.

Gli ingegneri hanno usato la metafora di versare una bottiglia di inchiostro in un lago e poi provare a rimetterla nella bottiglia.

L’inchiostro è un mix di tutti i tipi di dati utente e una sola volta “versato”non c’è modo di organizzarlo in modo tale “scorri solo nei luoghi consentiti nel lago…”

La soluzione degli ingegneri

Come sottolineano gli ingegneri, c’è una soluzione “breve termine” sotto forma di un nuovo servizio, ancora inedito, chiamato “Annunci di base”che, se implementato, consentirà a Facebook di rispettare le normative internazionali.

Il documento dice: “Quando verrà lanciato, gli utenti di Facebook potranno ‘rinunciare’ a quasi tutti i loro dati 3P e 1P utilizzati dai sistemi pubblicitari: Mi piace alla pagina, post, elenco di amici, ecc.”

Il rapporto afferma anche che gli annunci di base devono essere “pronto per il rilascio in Europa entro gennaio 2022”ma questo servizio non è stato ancora lanciato.

Qual è la posizione di Facebook?

Un portavoce di Facebook ha affermato che la società rispetta le norme sulla privacy. Inoltre, non è possibile determinare che il rapporto mostri una non conformità perché non descrive gli ampi processi e controlli della piattaforma utilizzati per conformarsi alle normative sulla privacy.

Il portavoce ha anche affermato che le normative in tutto il mondo introducono requisiti diversi che l’azienda deve rispettare e che il documento mostra semplicemente le misure su cui l’azienda sta lavorando per applicarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.