I benchmark dell’Intel Arc A380 chiariscono che i driver sono terribili

Dalla Cina arrivano i test di prestazione sia sintetici che “mondo reale” del Intel Arc A380, una scheda grafica che è stata messa in vendita in Cina al prezzo di scambio di 146 euro. Questa GPU offre un chip grafico DG2-128 (ACM-G11) prodotto da TSMC a 6 nm dotato di 8 Xe Core che si traducono in un totale di 1024 core a 2450 MHz (Freq. Turbo) accompagnato da 6 GB di memoria GDDR6 @ 15,5 Gbps insieme a un’interfaccia di memoria a 96 bit e un consumo energetico di 75 W.

Tutto questo si traduce in 947 punti in 3DMark Port Royal, superando facilmente una AMD Radeon RX 6500 XT. Se andiamo a un benchmark meno impegnativo, si posiziona anche davanti alla Radeon RX 6500 XT con 5170 punti, essendo 40% più veloce dei suoi rivali diretto: la GeForce GTX 1650 e la Radeon RX 6400.

Intel Arc A380 - Benchmark 3DMark Time Spy

ora arriva la delusioneed è che in tutti i test in cui sono state analizzate le prestazioni dell’Intel Arc A380: League of Legends, PUBG, Grand Theft Auto V, Shadow of the Tomb Raider, Forza Horizon 5 e Red Dead Redemption 2, le sue prestazioni a era una risoluzione di 1080p notevolmente inferiore a quello della concorrenza diretta, determinando differenze di performance di fino al 24 per cento rispetto alla GeForce GTX 1650 e a 26 per cento rispetto alla Radeon RX 6400.

È anche interessante notare che dove perde più prestazioni è nei giochi che utilizzano un’API precedente come DirectX 11.

Intel Arc A380 - Prestazioni di gioco

Questo semplicemente chiarisce ancora una volta ciò che già sapevamo, ovvero che nonostante sia una GPU più potente ed economica della concorrenza, è inutile proporre al mercato un prodotto del genere quando a livello di driver grafico tutte le prestazioni sono perse lungo la strada.

È evidente che sarà solo questione di tempo prima che i piloti siano lucidi e finisca per surclassare i suoi diretti rivali, anche se ovviamente nessuno ci assicura che questo possa accadere in un mese. o potrebbe volerci un anno prima che accadae con il calo dei prezzi delle GPU dopo la crisi mineraria, Intel potrebbe finalmente avere problemi a vendere le sue schede grafiche sul mercato, dal momento che tutto ciò che circonda il tuo software genera solo sfiducia.

attraverso: Videocardz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.