Vuoi aggiungere il Play Store con i servizi di Google al tuo cellulare Huawei o Honor? Ecco un nuovo metodo che permette di farlo rapidamente su qualsiasi modello.

Sono passati mesi da quando la guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina ha schizzato Huawei, e tra le tante limitazioni che ha ricevuto nel paese americano c’è l’impossibilità di negoziare con aziende americane come Google. Ciò significa che non possono concedere in licenza i servizi Google Play per i loro terminali.

Il Mate 30 e il Mate 30 Pro, Honor 20, così come i recenti Huawei P40 e Honor 9X, vengono rilasciati con una versione AOSP di Android su cui funziona EMUI, il livello di personalizzazione dell’azienda cinese. È Android, sì, ma non ha le applicazioni di Google. Fortunatamente, c’è un metodo facile e veloce per avere Google su qualsiasi telefono Huawei.

A causa del blocco della guerra commerciale, gli utenti che acquistano un nuovo telefono Huawei si trovano a dover installare manualmente i servizi di Google per poter utilizzare applicazioni come Chrome, Gmail o Google Drive, per non parlare del negozio Google Play. Il modo più semplice per farlo è spiegato qui di seguito.

La Galleria delle applicazioni e le sue attuali limitazioni
Oggi, nei nuovi cellulari Huawei non abbiamo accesso ad applicazioni come Google Play, Gmail, Google Drive, ecc. In realtà, l’alternativa ufficiale è la App Gallery, ma in quel negozio non troviamo la maggior parte delle applicazioni di uso quotidiano:

  • Messaggistica e social network: WhatsApp, Instagram, Twitter, Telegram, Telegram, Slack
  • Musica: Spotify, Amazon Music
  • Video: Netflix, HBO, YouTube, VLC, Prime Video
  • Giochi: Fortnite, Archero, Asfalt 9
  • Banche e pagamenti mobili: Google Pay, Twyp, Bizum
  • Parametri di riferimento: PCMark, 3DMark, Geekbench, Antutu, Antutu 3D, CPU
  • Varie: Wallapop, YouTube Studio, Health Mate (smartwatch), Tinder, Cabify, Nest, Alexa, Google Home

Come possiamo vedere, nonostante la raccomandazione di Google di togliere questo veto, la situazione non è cambiata dal lancio di Mate 30 Pro, e cioè che Huawei continua a negoziare con diverse aziende per integrare le loro applicazioni nel loro negozio perché legalmente non possono offrire alcun metodo con cui l’utente può acquistare / installare i servizi di Google per accedere al loro negozio e applicazioni.

Come si installano i servizi Google a Huawei?

Con questo nuovo metodo è relativamente semplice, utilizzando il Chat Partner APK. Questa applicazione installa direttamente Google Play. Cioè, si scarica l’apk, lo si installa, si preme il pulsante di riparazione e il gioco è fatto.

Prima di tutto vogliamo solo commentare che l’origine di questa applicazione non è da Huawei quindi, anche se abbiamo monitorato le connessioni che l’applicazione fa e sembra che sia sicura, non possiamo garantire la sicurezza del terminale. In caso di utilizzo si consiglia di disinstallarlo dopo l’uso.

La prima cosa da fare è scaricare l’APK che abbiamo replicato su Google Drive e lo si può scaricare da qui. L’idea è di scaricarlo direttamente dal mobile/tablet dove si vuole installare Google Play. Vediamo passo dopo passo come fare l’installazione:

  • Scaricare Chat Partner sul dispositivo Honor / Huawei: qui
  • Aprire l’APK
  • Concessione di permessi di installazione
  • Installare l’applicazione
  • Apri la chat con il tuo partner
  • Premere il pulsante Detect Device
  • Dare il permesso alla richiesta
  • Cliccare sul pulsante Riparazione
  • Una volta finito, abbiamo già Google Play sul desktop e i Play Services installati sul cellulare
  • Disinstallare il partner della chat

Se apriamo Google Play possiamo accedere con il nostro nome utente e la password di gmail e installare le applicazioni in modo tradizionale su Android. Ma abbiamo ancora qualche limite.

Limitazioni dopo l’installazione di Google Play Services con questo metodo

Dopo questo processo di installazione abbiamo accesso a milioni di applicazioni Google Play, ma non è tutto oro quel che luccica ed è che avere modificato i file di sistema e installato questo servizio illegale di Google Play non funzionerà tutto come se provenisse dalla fabbrica.

Siamo stati in grado di installare praticamente tutte le applicazioni della lista che stiamo cercando in AppGallery, ma non tutte. Per esempio, Netflix non è disponibile e per poter utilizzare il servizio dobbiamo trovare la nostra vita installando un APK della versione 4.1.6 dello stesso.

Infatti, quando lo installiamo, appare un messaggio che dice che c’è una nuova versione e se clicchiamo su di essa per installarla, ci porta su Google Play Store e c’è un messaggio rosso che dice che non è compatibile con il nostro dispositivo.

Questo perché abbiamo modificato il dispositivo e alcune applicazioni che trasmettono contenuti protetti in streaming utilizzano SafetyNet come piattaforma per verificare l’integrità del dispositivo.

Il nostro Mate 30 Pro non supera questo test ed è ovvio che abbiamo installato i servizi di Google con questa procedura, ma rileva che il sistema è stato modificato. Questo schizza anche su applicazioni come Google Pay che non funzioneranno su un Mate 30 Pro se non viene fornito con quei servizi installati di serie.

Come vediamo la soluzione di installazione di Play Services facilita l’utilizzo del terminale come mobile nel quotidiano permettendo l’installazione di applicazioni che non sono in AppGallery.

Prima di tutto vorremmo mettere a verbale che dopo aver parlato con Huawei ci hanno detto che non è stata una loro decisione rimuovere i servizi di Google e che hanno dovuto semplicemente adattarsi essendo stati costretti dal veto degli Stati Uniti.

È chiaro che il lancio di un dispositivo senza questi servizi in Europa probabilmente non funzionerà come sta facendo in Cina e che noi siamo un mercato legato a questi servizi in Android, che ci piaccia o meno.