Le piattaforme di streaming pagheranno per il traffico Internet

Tornando ai tempi della pandemia, l’utilizzo di Netflix e dei servizi di streaming è aumentato così tanto che lei e YouTube hanno dovuto ridurre del 25% la quantità di dati utilizzati. In questo momento le reti erano sovraccariche e gli operatori hanno presentato numerose denunce per l’elevato traffico e i costi coinvolti. Qui l’Unione Europea ha sollevato l’idea di fare il aziende di streaming paga la tua quota a operatori per coprire il costo dell’aumento traffico.

Sappiamo da qualche mese che il operatori chiedono che tu li aiuti quando si tratta coprire i costi l’aumento del traffico di rete. Ed è che, dopo il COVID, l’uso di Internet è aumentato in tutti i settori, facendogli perdere soldi. Infatti le telecomunicazioni assicurano che l’aumento di a 40% di traffico a valle e un 200% di traffico a monte durante la pandemia erano tutto guadagni per le piattaforme di streaming statunitensi. Ora, l’Europa teme che se lascia tutti gli investimenti nelle mani degli operatori, ciò potrebbe farci rimanere indietro rispetto agli altri paesi.

Gli operatori chiedono un pagamento e le aziende rispondono che già investono

L’Europa si trova in quella situazione in cui non sa cosa fare, poiché ha due parti che danno le loro argomentazioni a favore di se stesse. Da un lato abbiamo gli operatori, che, come dicevamo, stanno sostenendo costi aggiuntivi che finiscono per essere vantaggi per altre aziende. D’altra parte, aziende tecnologiche come Alfabeto e Metaassicurano di aver già investito miliardi di dollari nel migliorare il infrastruttura. Questi sono stati utilizzati per espandere la rete di cavi sottomarini tra i continenti e Meta afferma di aver apportato grandi benefici all’economia europea.

D’altra parte, abbiamo società di streaming come Netflixche assicura che tu abbia installato migliaia di server in 700 città in Europa. Ciò ha permesso loro di comprimere e archiviare i video in locale, facendo in modo che il contenuto non percorresse lunghe distanze, riducendo traffico e costi. Nessuna di queste società è favorevole a pagare gli operatori per il traffico consumato. Infatti il ​​presidente di Google in EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), Matt Brittinogarantisce che il i clienti saranno quelli che pagano con denaro o servizi peggiori se l’Europa aggiungesse questa tariffa di streaming per gli operatori.

Italia e Spagna a favore di Netflix e YouTube che pagano il loro traffico

Operatori UE YouTube Netflix Traffic 5G

In Europa c’è una dualità, perché ci sono paesi che lo sono in favore le società tecnologiche e i servizi di streaming pagano gli operatori per il loro traffico. Tra questi abbiamo Spagna, Italia e Francia, che hanno deciso che YouTube o Netflix dovrebbero pagare una giusta quota del loro utilizzo della rete. D’altra parte, abbiamo paesi come Germania, Danimarca e Paesi Bassichi sono contro di questa decisione. Oltre a queste due posizioni, ci sono altri che pensano che la causa di ciò sia dovuta al gran numero di operatori che abbiamo in Europa.

Ed è che, se facciamo un confronto, in Stati Uniti d’America ho solo 3 grandi compagnie di telefonia mobile, che occupano la maggior parte del mercato. D’altra parte, nel Europa noi abbiamo quasi 40 operatori, essendo questa frammentazione del mercato la ragione principale di questa situazione. Ciò ha causato una preoccupazione nel mercato che siamo rimasti indietro. Infatti, nel 2021 Europa appena avuto 5G nel 2,5% di connessioni mobili, rispetto a 14,2% in Stati Uniti d’America e il 28% da Cina, Corea e Giappone.

Fusione Masmovil Arancio

Come soluzione a questo problema, lo sarebbe fusione di operatori qualcosa con cui vuoi provare Orange e MásMóvil in Spagna. La Spagna è ancora una volta prima in qualcosa, perché Vodafone propone una terza opzione che riguarda la creazione di società e piattaforme di streaming negoziare direttamente con gli operatori sul costo del traffico.

“Non si tratta di voi, grandi piattaforme americane, siate generosi con noi, perché siete enormi”, ha detto in un’intervista il capo delle politiche pubbliche di Telefónica. Juan Montero Rodil. “Niente affatto. Stiamo parlando di pagare un prezzo per un servizio che forniamo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.