Si dice che Intel voglia acquistare GlobalFoundries

Secondo un rapporto del Wall Street Journal che cita persone che hanno familiarità con il potenziale acquisto, Intel è in trattative per acquistare la fonderia GLOBALFOUNDRIES per circa 30 miliardi di dollari. Intel non ha confermato il rapporto, ma se fosse vero, il piano intercetterebbe i piani ampiamente segnalati di GLOBALFOUNDRIES per un’IPO entro la fine dell’anno.

Il rapporto arriva poco dopo le recenti notizie secondo cui Intel è in trattative per acquistare il chip designer RISC-V SiFive per $ 2 miliardi. Ciò la sottoporrebbe a un importante sforzo di ristrutturazione sotto il nuovo CEO Pat Gelsinger.

Intel potrebbe acquistare la fonderia GlobalFoundries

Il piano di acquisto proposto da Intel arriva mentre sta facendo pressioni sul governo degli Stati Uniti per i sussidi in modo che possa aumentare le sue capacità di produzione. Chiede loro di aiutarli a finanziare la sua iniziativa IDM 2.0 che finirebbe per produrre chip per altre aziende attraverso Intel Foundry Services. Hanno impegnato $ 20 miliardi di propri soldi per lanciare quell’iniziativa con due fabbriche in Arizona.

L’acquisizione di GlobalFoundries porterebbe a team di leadership esperti e un’attività di fonderia di terze parti già sana. Anche se GLOBALFOUNDRIES ha abbandonato la corsa alla tecnologia dei nodi all’avanguardia, ha molte fabbriche proprie negli Stati Uniti GLOBALFOUNDRIES è stata in grado di mantenere contratti con il governo degli Stati Uniti che richiedono una produzione di chip indigeni per alcuni dei suoi progetti militari. Se GLobalFoundries fosse acquistato, Intel avrebbe contratti esistenti con il governo degli Stati Uniti e diventerebbero una scommessa sicura per i finanziamenti governativi.

Attualmente sono di proprietà di Mubadala Investment Co, che è di proprietà del governo di Abu Dhabi. È stato ampiamente riportato che GlobalFOundries sta cercando un’IPO, ma tali piani sono stati annullati l’anno scorso. Ma secondo il Wall Street Journal, GlobalFoundries potrebbe andare avanti con la sua offerta pubblica iniziale pianificata se i colloqui con Intel falliscono.

La capacità di produzione di nodi di nuova generazione di GLOBALFOUNDRIES, che sono i motori di volume più elevati per la maggior parte delle fabbriche di terze parti, si adatterebbe bene anche ai piani di Intel di iniziare a offrire i suoi servizi di produzione ad altre parti. L’accordo farebbe impallidire l’acquisizione da 16,7 miliardi di dollari di Altera da parte di Intel, che è stata la più grande di sempre. Intel ha recentemente venduto la sua attività NAND e SSD a SK hynix per $ 9 miliardi perché stavano cercando di concentrarsi sull’affrontare la loro principale competizione di realizzare dispositivi logici ad alto profitto.

Font: L’hardware di Tom

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.